Home » Protezioni

Protezioni

PRINCIPI DI PROTEZIONE

I metodi di protezione dall' elettrosmog sono:

- evitarlo (evitare di creare radiazioni e di stare dove ce ne sono);

- ridurre l'esposizione (per un tempo limitato);

- rifletterlo con materiali appropriati (arduo per le basse frequenze);

- farlo assorbire da materiali appositi (arduo per le basse frequenze);

- deviarlo con materiali adatti;

- sopprimerlo con dispositivi appositi.

RILEVAZIONE DELLE RADIAZIONI

Considerando che l' elettrosmog è invisibile, alla base di ogni protezione c'è una valutazione della portata del problema.

Bisogna infatti misurare nei luoghi di permanenza come casa, luogo di lavoro, scuola e così via, l'intensità delle radiazioni mediante degli strumenti appositi detti magnetometri o misuratori di radio frequenze.

Il mercato offre dei prodotti di buona qualità non professionali che possono essere utilizzati in una logica "fai da te" in maniera soddisfacente.

Per le basse frequenza si consiglia uno strumento triassiale (non richiede uno specifico orientamento), molto più pratico. La maggior parte rileva la componente magnetica in Milligaus (mG) o micro Tesla (µT).

Esistono inoltre strumenti di misura in unità GS (Graham-Stetzer) specifici per le alte frequenze anomale emesse dagli impianti elettrici; vengono inseriti nelle prese elettriche.

Le radio frequenze vengono misurate preferibilmente con strumenti direzionali con antenna, più impegnativi, ma precisi nel identificare la fonte delle radiazioni.

I valori rilevati possono essere espressi in W/m2, mW/m2, µW/cm2, mW/cm2 oppure µW/cm2.

Per saperne di più vedere le unità di misura.

PROTEZIONI SPECIFICHE DALL' ELETTROSMOG